TOP
connessione

Come migliorare la propria connessione in vista di lezioni ed esami online

Per quanto sia fattibile un ritorno a settembre in presenza, non è da escludere che l’università possa andare di nuovo incontro a chiusure forzate. Indipendentemente da ciò, comunque, avere una connessione veloce e stabile è sempre una comodità. Anche solo per lo studio, per ricercare materiale online o per una sessione di ripetizione con i propri colleghi a distanza. Ecco quindi dei consigli pratici, semplici e fattibili per migliorare la connessione internet

Se puoi, utilizza il cavo

Per quanto le connessioni Wi-Fi siano oggi veloci e all’avanguardia, difficilmente riescono ad eguagliare la stabilità di una connessione cablata. Ma cosa significa cablata? In parole povere, significa collegare il tuo Modem router al computer (sia fisso che portatile) tramite un cavo Ethernet. Questa buona pratica non solo ridurrà al minimo la possibilità che la connessione “cada”, ma aumenterà anche la velocità con cui scaricheremo materiale da internet e la qualità delle lezioni in streaming e delle videochiamate. Provare per credere!

Non trascurare il tuo Modem router

Partiamo dal presupposto che esistono vari sistemi per potersi collegare ad internet. Il modem router, quello attualmente più diffuso, integra in un solo dispositivo le qualità del modem e le possibilità del router, che possono quindi essere anche due dispositivi differenti. Noi vi consigliamo non solo di dotarvi di un modem router, ma anche di puntare sui modelli più recenti. Se avete in casa un modello datato, non è da escludere che parte dei problemi che potreste riscontare con la vostra linea sia proprio da imputare all’età del vostro modem router. 

I modelli più recenti possono facilmente evitare spiacevoli inconvenienti come le interferenze tra reti Wi-Fi. Un evento non raro se ad esempio abitate in un condominio che, di norma, sono carichi di reti Wi-Fi private.

E nemmeno il PC

Se avete un computer anch’egli datato, un altro consiglio utile è quello di cambiare la scheda di rete Wi-Fi. Con una scheda con più di qualche anno sul groppone non potrete di fatto sfruttare la velocità delle moderni reti internet. I modem router recenti utilizzano protocolli ac o n, mentre i più datati sono di tipo b o g (es. 802.11 ac o 801.11g). Se notate di avare un protocollo b o g (dal menù Rete e Internet – Centro Connessioni di rete – Impostazioni scheda – Proprietà – Configura – Avanzate), potrete ovviare al problema comprando una nuova scheda di rete da montare (per PC fissi) o USB (per PC portatili). 

In ultimo, ma non meno importante: non dimenticate, ogni tanto, di riavviare il modem router. Nonostante quelli più recenti non soffrano di problemi evidenti dati dal lungo utilizzo, riavviarli è una pratica da non trascurare.