TOP
Corso di laurea in Viticoltura ed Enologia

Corso di laurea in Viticoltura ed Enologia all’Università di Trento

A Trento, dall’Anno Accademico 2017/2018, è attivo un corso di laurea in Viticoltura ed Enologia, attraverso il quale i giovani possono introdursi concretamente nel suggestivo mondo della produzione e della “sapienza” enologica.

Quante volte, in trattoria o al ristorante, chiediamo a qualche amico “che ne capisce un po’ di più” quale vino si sposa meglio con il piatto che abbiamo scelto e ordinato, durante un pranzo o una cena insieme. Esistono, per approfondire quella che è una sapienza antichissima, ottimi corsi di Sommelier (tra l’altro lunghi vari anni ed impegnativi). Ma il vino e la sua storia sono entrati ormai a pieno titolo anche nel mondo universitario vero e proprio.

Trento e la Fondazione Edmund Mach

Edmund Mach, nato a Bergamo nel 1846, è stato un enologo, agronomo e chimico austriaco. Nel 1873 fondò una Scuola di Agricoltura a San Michele all’Adige, in provincia di Trento. Il suo apporto alle ricerche sulla coltivazione vinicola e sul miglioramento della qualità del vino è ancora “vivo” in queste terre enologicamente così feconde e genuine, tanto che l’Università di Trento, per l’attivazione del Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia, opera in partenariato con quella che oggi è la Fondazione Edmund Mach. Uno stimolo in più per gli studenti che, oltre a potersi inserire nel mondo lavorativo dei processi enologici, possono davvero sentirsi parte di un frammento di storia del Trentino.

Il Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia e i suoi obiettivi

Il Corso, come si può appurare visitando il sito dell’Università, si propone di formare figure professionali con una preparazione di primo livello con il titolo di Enologo. Le conoscenze spazieranno da una solida base scientifica propedeutica al percorso più squisitamente “gastronomico”: tale base comprenderà le necessarie competenze di matematica, fisica, chimica, biologia ed informatica. Questo “tappeto” di conoscenze scientifiche permetterà di muoversi a proprio agio nel mondo della lenta e complessa “creazione” del prodotto che è al centro di tutto il cammino: il vino, la sua storia, il suo “posto” nell’alimentazione umana. I laureati saranno in grado di venire incontro alle esigenze del mercato vitivinicolo: sapranno gestire la trasformazione delle uve, la produzione, il controllo di qualità, la sostenibilità ambientale e la tutela del territorio vinicolo. Uno sbocco possibile in un campo che oggi appassiona tanti!