TOP

La notte dei ricercatori, da domani gli appuntamenti online

L’Europa della cultura c’è, anche oggi che siamo impossibilitati dal viverla fisicamente. È dal 2005 che la Commissione Europea promuove La notte dei ricercatori. Nel 2019 siamo arrivati a 1,6 milioni di visitatori divisi in 400 città. L’edizione 2020 di svolgerà domani, 27 novembre, con ricercatori italiani e internazionali che potranno incontrare i visitatori virtualmente. Il Ministro Manfredi, come riporta Ansa, ha voluto sottolineare le peculiarità e l’importanza di questo evento:

“La pandemia ci costringe a un formato nuovo, inedito, virtuale – sottolinea il ministro Gaetano Manfredi – ma questo evento continua a rappresentare una preziosa occasione informale per diffondere la cultura scientifica. Resta intatta la voglia dei ricercatori di raccontare e raccontarsi, di far comprendere il valore della ricerca come bene comune e come elemento essenziale per affrontare le sfide globali del futuro: energia pulita, nuove tecnologie, digitale, medicina, agricoltura. In questo senso, i sette progetti finanziati dalla Commissione Europea e sostenuti dal ministero dell’Università e della Ricerca rappresentano il nostro orgoglio. La Notte dei ricercatori resiste oltre la pandemia e non si ferma. Proprio come la ricerca”.

Per quest’anno ci saranno migliaia di incontri, laboratori virtuali, spettacoli, giochi, conferenze. Un programma quantomai ricco e variegato, che invece di farsi sopprimere dalle sfide che la pandemia ha lanciato, le affronta e se ne arricchisce. Vi ritroviamo sette progetti italiani che coinvolgono ben 84 città ed enti come l’Università di Firenze, di Salerno, Milano-Bicocca, il CNR, il Consorzio interuniversitario CINECA e tanti, tanti altri. Tutti riuniti, ora più che mai, sull’importanza e sul ruolo della ricerca scientifica e sull’impatto che questa ha sulle nostre vite.
Su www.nottedeiricercatori.it è possibile leggere approfondimenti sui sette progetti italiani e link utili per seguire l’evento.