TOP
Doppia laurea

Doppia Laurea: arriva l’ok della commissione

Finalmente qualcosa si muove anche sul fronte della doppia laurea. Come ricorderete, la proposta di legge era in attesa del parere della Commissione Cultura. Dopo aver ampiamente discusso dei pro e dei contro di questa possibilità, siamo felici di comunicarvi che la proposta di legge è stata approvata dalla Commissione.

Le parole dei deputati

A dare la notizia sono stati i deputati e le deputate del MoVimento 5 Stelle in Commissione Cultura. La proposta di legge dovrà ora essere approvata dall’Aula di Montecitorio e poi dal Senato. Oltre a rappresentare un passo avanti nell’ampliamento dell’offerta formativa, la proposta prevede specifici paletti per evitare la cosiddetta “svendita dei titoli universitari”.

“Di particolare importanza è l’emendamento – aggiungono i parlamentari -, a firma del collega Manuel Tuzi. Questo introduce la possibilità, anche a chi segue un corso di specializzazione in ambito medico, di iscriversi a un master o dottorato di ricerca. La stessa opportunità è data anche alle studentesse e agli studenti delle Istituzioni AFAM (Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica)”.

“Quello che abbiamo ottenuto in commissione è davvero un bel risultato nell’ottica del diritto allo studio: la possibilità di doppia iscrizione riduce i tempi per il conseguimento di più titoli di studio e incentiva i giovani a valutare più offerte formative per aumentare il loro bagaglio di conoscenze.”  – dichiara il Deputato Tuzi – “In questo modo ogni studente avrà la possibilità di intraprendere e concludere due diversi corsi di laurea, di laurea magistrale o di master anche presso più università, scuole o istituti risparmiando moltissimo tempo. Grazie ad un mio emendamento approvato all’unanimità anche chi segue un corso di specializzazione in ambito medico avrà la possibilità di iscriversi a un master o dottorato di ricerca. Inoltre nessuno sarà escluso. Il diritto alle esenzioni dal pagamento delle tasse universitarie si applica anche alla seconda iscrizione.”

Se tutto andrà per il verso giusto, si aprirà una nuova era per gli studenti universitari. Un’era fatta di conoscenze trasversali, dove la ricchezza di interessi e di voglia di fare è incentivata e non più ostacolata.