TOP
corsi singoli

Corsi singoli validi per l’iscrizione all’Università di Catania

Nelle scorse settimane si era infervorita la polemica che aveva investito l’Università di Catania. Secondo una precedente delibera del Senato Accademico e del Cda, solo il voto di maturità sarebbe stato utilizzato come criterio per l’ammissione ai corsi a numero programmato. Oggi, però, l’Ateneo fa un passo indietro e rivede la sua decisione, permettendo l’iscrizione anche a chi ha frequentato corsi singoli.

Il fatto

Alla redazione online di NewsSicilia era arrivata una lettera da parte di uno studente catanese di 25 anni, indignato come molti della scelta dell’Ateneo. La lettera aperta, pubblicata online, andava a segnalare la problematica del criterio scelto dall’Università di Catania.

Sono un giovane di 25 anni diplomatosi circa 6 anni fa con voto 63. In quegli anni il pensiero era finire la maturità̀ e trovare un lavoro. Il voto non mi preoccupava, anche perché́ sapevo che non incideva praticamente quasi su nulla. Dopo varie esperienze lavorative anche fuori dall’Italia ho maturato la voglia di studiare. Il mio nuovo obiettivo era quello di riuscire a laurearmi per poter dare una svolta alla mia vita.

Nel 2019 sono quindi rientrato in Italia deciso a iscrivermi al corso di Laurea in Economia Aziendale. Ma ho scoperto che il mio voto di maturità non mi permetteva di potermi iscrivere! Deluso, ma speranzoso, ho pensato che l’anno dopo avrebbero di certo rimesso i test di ingresso, quindi ho aspettato, optando allora per i corsi singoli“.

A oggi ho sostenuto quattro esami superati con una buona valutazione, e ho così raggiunto i 33 CFU, avendo in programma di sostenere altri due esami per altri 18 CFU. Mi sentivo già tranquillo nel pensare che quest’anno avrei potuto immatricolarmi e diventare una matricola di UNICT a tutti gli effetti, ma non è stato così. Ho letto che il Senato Accademico anche quest’anno ha deciso di non effettuare i test d’ingresso, e di confermare il metodo di accesso con riferimento al voto di maturità̀. Mi chiedo dunque dove stia il merito, dove stia il diritto allo studio, dove stia la giustizia. Mi chiedo e vorrei una risposta.”

Come evidenziato dal ragazzo, prendere come unico dato d’ammissione l’esame di maturità non è giusto nei confronti di quegli studenti che negli anni si sono affidati alla speranza dei test d’ammissione, che avrebbero quindi premiato l’impegno rispetto al semplice voto di maturità, spesso relegato a una dimensione in cui gli studenti non avevano ancora ben chiaro se continuare gli studi. La volontà posta in questa scelta risiede, come nel caso di Marco ma che si accomuna a quello di molti altri studenti, nel superamento dei corsi singoli per la maturazione di cfu.

Buone notizie

Come riporta sempre NewsSicilia (insieme alla lettera integrale inviata dal ragazzo), l’Università di Catania ha deciso, dalla riunione del Cda dell’Ateneo, di approvare l’iscrizione ad anni successivi al primo per gli studenti che hanno frequentato i corsi singoli per l’a.a. 2020-2021.

Requisiti

Il bando per i moduli d’iscrizione sarà pubblicato a inizio giugno. Per potersi iscrivere dovranno essere rispettati determinati requisiti. È stato deciso che per iscriversi al secondo anno, lo studente deve aver maturato 18 cfu, mentre per il terzo anno minimo 40 cfu. 

Se le domande d’iscrizione supereranno la quantità di posti disponibili per i corsi, sarà formulata un’apposita graduatoria. 

Le richieste dovranno far pervenire le proprie richieste entro il 30 luglio 2021.